Il quinto sasso

Il quinto sasso: LA CONFESSIONE MENSILE

Se devi attraversare un torrente impetuoso, getta dei grossi sassi, uno dopo l’altro, e posando i piedi su questi, riuscirai a vincere l’impetuosità delle acque. Ogni confessione è un passaggio nel cammino vorticoso della vita che, con le sue prove e tentazioni, con le sue sofferenze e i suoi peccati, tenterà di impedirti il cammino verso Dio. La Madonna ci esorta ad accostarci a questo sacramento, oggi in crisi nella prassi di tanti cristiani, che hanno smarrito il senso di Dio e, di conseguenza, del peccato che offende Dio e disobbedisce alla sua volontà, alla sua Legge.
“Oggi voglio invitare tutti alla Confessione, anche se vi siete confessati solo qualche giorno fà. Desidero che viviate la mia festa nel vostro intimo. Ma non la potete vivere, se non vi abbandonate completamente a Dio. Perciò vi invito tutti a riconciliarvi con Dio!” (24 – 3 – 1985). Oh! Il dono della confessione frequente.
“Cari figli! Questa Quaresima è per voi uno speciale stimolo al cambiamento di vita. Cominciate fin da questo momento! Spegnete il televisore e lasciate in disparte le varie cose che non sono utili per voi. Cari figli, vi invito alla conversione individuale. Questo tempo è per voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata!”. (13 – 2 – 1986).
Ogni confessione ti riporta a casa ciò che hai perduto ascoltando lui, il nemico delle anime. Un sasso buttato nello stagno fa scomparire sott’acqua tutte le rane. Così ogni confessione distrugge in te il peccato, lo fa scomparire nel mare infinito della Misericordia di Dio. La volpe astuta, il maligno, cerca di ingannarti, portandoti via il dono della Grazia dalla tua anima, col peccato. Non ascoltarlo!
Il piccolo schermo (la televisione), spesso in combutta con lui, con spettacoli superficiali o indecenti, non lasciandoti lo spazio per la preghiera, ti impedisce di progredire, e può rovinare la tua anima. “Spegnete il televisore”, ci esorta la Madre, “vi invito alla conversione individuale”.
“Cari figli! Anche oggi vi invito a preparare i vostri cuori per questi giorni, in cui il Signore desidera in modo particolare purificarvi da tutti i peccati del vostro passato. Voi, cari figli, non potete farlo da soli, perciò sono qua io ad aiutarvi. Pregate, cari figli, solo così potrete conoscere tutto il male che sta in voi e presentarlo al Signore in modo che il Signore possa purificare del tutto i vostri cuori. Perciò, cari figli, pregate senza sosta e preparate i vostri cuori nella penitenza e nel digiuno.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata!”. (4 – 12 – 1986).
Grazie, cara Madre, i tuoi messaggi sono un invito prezioso nella nostra vita moderna, esagitata, sono sassi che ci metti nelle mani per destreggiarci con santa furbizia nel dramma stupendo e affascinante della vita, ma duro e pericoloso. Medjugorje è il dono della tua venuta tra noi: fà che ne apprendiamo il messaggio e che ne usiamo con gioia ed esultanza dello spirito.

 

<< Torna alla prima pagina >>